Se fino a poco fa eravate convinti che dentro una discoteca
di fondamentale ci fosse solo il ruolo del Dj,
è arrivato il momento di ricredervi. Se da un lato il Disc Jockey è intento a
mixare la musica, dall’altro lato un
diverso artista chiamato Lj, fa
ballare le luci in sala. Il sistema
d’illuminazione
in uno spettacolo è tanto importante quanto la musica, il Light-J ha davanti a se il mixer delle
luci attraverso il quale controlla tra i vari dispositivi anche i fari.

I fari emanano un vasto fascio di luce, l’ultima cosa che si
vuol fare in uno spettacolo è quello di illuminare a giorno la sala, bisogna
perciò essere accorti nel ben regolare l’intensità degli strumenti luminosi e
controllare le direzioni di movimento. Non parliamo mai di singolo faro usato
per un’esibizione, questa tipologia di strumento è consigliabile da usare
sempre in gruppo con altri dello stesso tipo, collegati ad una centralina e
manovrati all’unisono. Un Light jockey, in italiano molto semplicemente “tecnico della
luce”, suona concretamente i fari a ritmo della musica in sala.

Ovviamente, i fari (come
altri strumenti d’illuminazione) non sono esclusivi della musica e delle
esibizioni da discoteca, qualsiasi tipo di evento live può usufruire del mix luce,
insomma il Light jockey è sempre indispensabile. I fari pensati per creare effetti
psichedelici e coinvolgenti in sala da ballo possono
avere altre usi al di fuori del campo dello spettacolo, per la loro praticità
sono versatili anche nella vita quotidiana, magari per avere una buona
illuminazione del giardino durante le ore di buio.